La favola del ponte sullo stretto

giovedì 18 Novembre 2021

Uno dei passaggi più ridicoli del governo Draghi resta inevitabilmente il grande sogno-imbroglio del Ponte sullo Stretto di Messina, tornato puntualmente alla ribalta senza considerare che i cittadini sono stufi di essere presi in giro. E dunque anche il ministro dei trasporti Giovannini non ha resistito e ha deciso di elargire altri 50 milioni di euro ad avvocati, economisti ed ingegneri per uno studio di fattibilità di un’opera che non sta in piedi e che non si farà mai. Hanno detto loro in tutte le salse che la parte di Italia interessata è zona sismica e che l’impatto ambientale sarebbe devastante. Ma anche Draghi ora sembra determinato a buttare al vento milioni di euro per niente. I 50 milioni stanziati si aggiungono agli altri 960 milioni polverizzati con disinvoltura negli anni passati, e dopo la causa in corso da 700 milioni avviata contro lo Stato da Salini-Impregilo, ovvero la Webuild, che avrebbe dovuto cominciare l’opera impossibile stoppata per ovvie ragioni, anche l’Unione Europea all’ipotesi di aprire i cantieri, si è fatta una risata e ha proibito di inserirla nel Pnrr per via del disastroso impatto ambientale che causerebbe.

Ma Giovannini non demorde ed eccolo puntuale a ricominciare tutto da capo. Si parte buttando altri 50 milioni solo per capire se si può realizzare. Ennesima vergogna del governo Draghi. Perché dedicano tanta attenzione ad opere faraoniche che non vedranno mai la luce e non pensano invece a mettere in sicurezza le infrastrutture già esistenti e i ponti che rischiano di venir giù così come è accaduto con il Ponte Morandi? Perchè non si riesce mai ad imparare qualcosa dagli errori commessi? Sarebbe già un ottimo inizio. Gli interventi che dovrebbero essere fatti nel Sud del nostro Paese sono ben altri. Le reti ferroviarie e stradali sono scandalose, la Salerno-Reggio Calabria su rotaia è lenta e servire gli stessi porti è complicatissimo. Fino ad ora gli interventi a tal proposito sono stati inadeguati e si è sempre pensato a sistemare piccole tratte senza fare un ragionamento sulla logistica di ampio respiro. Addirittura alcune strade, ponti, gallerie e viadotti sono stati chiusi per problemi e lesioni nelle strutture. E invece che si fa? Si usa ancora una volta il Ponte sullo Stretto di Messina come specchietto per le allodole. Tra l’altro negli studi precedenti che di per sé si sono rilevati un fallimento, non comparivano le considerazioni di professionisti nelle materie biologiche, paesaggistiche, ecologiche, necessarie per una valutazione di tipo ambientale necessaria e imprenscindibile per un’opera di questa portata. A meno che questa “moda” di tutelare le nostre ricchezze naturali sia stata solo l’ennesima scusa utilizzata per legittimare un governo che finora, di green, ancora non ha fatto niente.

Condividi

Facebook
Twitter
Telegram

Iscriviti

Alla news Letter

potrebbe interessarti

ASSEMBLEA NAZIONALE ISCRITTI

Giugno 29, 2022
Ciao Finalmente ci siamo!Giovedi 30 giugno 2022 avrà luogo la prima assemblea nazionale di Alternativa che riunirà tutti gli iscritti per avviare il percorso

COS’È IL VEHICLE-TO-GRID (V2G)? BENVENUTI NEL FUTURO, GIÀ OGGI POSSIBILE

Giugno 22, 2022
I nostri parlamentari Giovanni Vianello, Arianna Spessotto e Paolo Giuliodori sono stati a Mirafiori (Torino) a vedere come funziona il progetto DrossOne V2G, sviluppato

DRAGHI DICA SE VUOLE IL MES PER L’ITALIA

Giugno 12, 2022
Il Governo Draghi dica in modo chiaro agli italiani se sta contemplando l’ipotesi di ricorrere al MES. Dica in modo chiaro se vuol portare

Le conseguenze indesiderate delle politiche sui vaccini COVID-19

Giugno 1, 2022
Le conseguenze indesiderate delle politiche sui vaccini COVID-19: perché obblighi, passaporti e restrizioni possono causare più danni che benefici. di Kevin Bardosh, Alex de

Sui vaccini è l’ora di una Commissione d’inchiesta

Maggio 31, 2022
Martedì 24 maggio, nell’Aula stampa di Montecitorio, abbiamo presentato una proposta di legge per istituire una commissione bicamerale d’inchiesta che ricerchi le cause e

L’embargo al petrolio russo: un danno per ambiente e cittadini

Maggio 31, 2022
Un embargo del petrolio proveniente dalla Russia, senza pianificare alcuna soluzione reale alternativa tra quelle sostenibili dal punto di vista ambientale, è una mossa