TASSONOMIA VERDE: LE RICHIESTE DEL GOVERNO ITALIANO RAPPRESENTANO LA PARTE PEGGIORE DEL PAESE

martedì 1 Febbraio 2022

L’inserimento di nucleare e gas metano nella tassonomia verde, e cioè di certificarli come fonti green garantendo così l’accesso sia ai fondi europei sia agli investimenti privati destinati a investimenti ambientalmente sostenibili, è una follia che la Commissione Ue sta commettendo con l’avallo del Governo italiano. L’esecutivo guidato da Mario Draghi avrebbe potuto bloccare questo tentativo subdolo di greenwashing che Bruxelles sta portando avanti e invece sul nucleare con il suo silenzio complice dà il là a questa truffa lavandosi pilatescamente le mani non sostenendo una posizione che tenga conto dei referendum popolari italiani. Sul gas, il Governo fa addirittura peggio chiedendo l’aumento dei limiti di emissioni ritenendo troppo bassi i 100 grammi di CO2 a kWh e si spende affinché ci sia un maggior riconoscimento per lo stoccaggio della CO2 nei giacimenti di idrocarburi (CCS) al fine di svuotarli completamente e nascondere la polvere sotto il tappeto, senza valutare i rischi che questo comporterebbe in termini di impatto ambientale ed economicità dell’investimento. I protagonisti di questa posizione che non rispecchia minimamente il volere degli italiani sono i ministri Cingolani, Patuanelli (M5S), Giorgetti (LEGA) e Franco, assieme al sottosegretario Amendola (PD). Qui non siamo solo davanti a scelte incompatibili con l’obiettivo di raggiungere zero emissioni nette al 2050 e di tutelare l’ambiente, la salute e la sicurezza dei cittadini, ma siamo davanti anche a decisioni prese d’imperio che non hanno coinvolto il Parlamento. Una decisione di questa importanza dovrebbe necessariamente passare per un dibattito approfondito nelle aule parlamentari, invece il Governo continua a infischiarsene delle Camere e le forze che compongono la maggioranza che lo sostiene tacciono complici al punto da ignorare la nostra proposta di mozione sulla tassonomia che da due mesi giace in attesa di essere discussa e votata. Il Governo sta portando avanti una posizione politica che contestiamo e vorremmo sapere in nome di chi vengono fatte queste scelte che rappresentano la parte peggiore del Paese.

Condividi

Facebook
Twitter
Telegram

Iscriviti

Alla news Letter

potrebbe interessarti

Resoconto dell’Assemblea Nazionale degli iscritti di Alternativa del 28 gennaio

30 Gennaio 2023
OGGETTO: convocazione Assemblea Nazionale degli iscritti di Alternativa per discutere e deliberare in merito all’eventuale partecipazione ad un coordinamento delle forze antisistema e del

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ISCRITTI PER ELEZIONE NUOVO PRESIDENTE

29 Gennaio 2023
Caro iscritto, ieri l’assemblea di Alternativa si è espressa negativamente sul seguente quesito: “vuoi che Alternativa partecipi ad un coordinamento delle forze antisistema e

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA NAZIONALE DEGLI ISCRITTI DI ALTERNATIVA PER DISCUTERE E DELIBERARE IN MERITO ALL’EVENTUALE PARTECIPAZIONE AD UN COORDINAMENTO DELLE FORZE ANTISISTEMA E DEL RELATIVO COMITATO SCIENTIFICO.

8 Gennaio 2023
Caro iscritto,il 28 gennaio dalle 16 è convocata l’assemblea di Alternativa per discutere e deliberare sull’argomento in oggetto: partecipazione di Alternativa ad un coordinamento

L’America porrà fine al sogno di Zelensky? Il consenso pro-guerra sembra indebolirsi – di Thomas Fazi

21 Ottobre 2022
Pubblichiamo anche qui un articolo di Thomas Fazi comparso su unherd.com, che dà conto in modo preciso di una dialettica che si sta aprendo

Resoconto dell’Assemblea nazionale del 16/10/2022

18 Ottobre 2022
Cari amici, nell’assemblea nazionale del 16 ottobre 2022 Alternativa ha assunto alcune scelte fondamentali per la prosecuzione della propria attività politica. Tra queste la

Convocazione Assemblea del 16 ottobre 2022

28 Settembre 2022
Domenica 16 ottobre 2022 è convocata l’Assemblea nazionale di Alternativa che riunirà tutti gli iscritti per avviare il percorso di costituzione della struttura organizzativa