Mes? No grazie. L’Italia non è in vendita

lunedì 21 Febbraio 2022

BCE, Spread, MES non li sentivamo da un po’, eppure – purtroppo – non sono mica scomparsi, anzi come un’ombra buia continuano ad aleggiare. In questo momento storico più che mai. 

Proprio la cara BCE ha ventilato un aumento dei tassi d’interesse prima del previsto, visto l’inflazione alle stelle, e indovinate cosa è successo? Il rendimento dei nostri titoli di Stato è schizzato. Sembra proprio il 2011 vero? 

E invece è il 2022 ed è sempre la stessa storia. 

In queste ultime settimane abbiamo potuto constatare come lo spread abbia sfondato il tetto dei 160 punti e Lagarde è dovuta intervenire. Ma come? Mario Draghi al Governo non è più una sicurezza? Forse no dal momento che il rendimento dei titoli di Stato, e quindi lo spread, non dipende da chi siede a Palazzo Chigi, ma dalla copertura offerta dalla Banca Centrale Europea. Era così ieri, nel 2011, è così oggi e sarà così anche domani. 

I quotidiani raccontano da mesi una storiella che ha poco a che vedere con la realtà: tutti fedeli alla linea! Si: la linea draghiana. 

La vera storia però è un’altra e non sembra avere un lieto fine: l’inflazione è tornata ai livelli degli anni Novanta, il costo dell’energia a cresce a dismisura – a gennaio del 45%- su base annua rispetto al gennaio dell’anno precedente, i consumi si contraggono, la produzione industriale è crollata. 

Ma qui nessuno sembra avere il coraggio di dire come stiano realmente le cose: c’è una crisi in corso e non è quella sanitaria! È quella degli indicatori economici catastrofici di cui a pagarne le conseguenze saranno sempre gli italiani! 

Per non farci mancare nulla, tra soprusi e tecnocrati, tra BCE e Spread, non può mancare di certo la gogna del MES. 

Nel nord Europa iniziare a pensare di usare solo il Meccanismo Europeo di Stabilità per acquisire i nostri titoli di Stato in cambio di un commissariamento della politica nazionale ancor più autoritario di quello attuale. 

In tutta questa storia Mario Draghi non starà mica a guardare: il sultano che ruolo sta giocando davvero? Facile: quello del Presidente liquidatore, liquidatore della nostra sovranità.

Condividi

Facebook
Twitter
Telegram

Iscriviti

Alla news Letter

potrebbe interessarti

Resoconto dell’Assemblea Nazionale degli iscritti di Alternativa del 28 gennaio

30 Gennaio 2023
OGGETTO: convocazione Assemblea Nazionale degli iscritti di Alternativa per discutere e deliberare in merito all’eventuale partecipazione ad un coordinamento delle forze antisistema e del

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ISCRITTI PER ELEZIONE NUOVO PRESIDENTE

29 Gennaio 2023
Caro iscritto, ieri l’assemblea di Alternativa si è espressa negativamente sul seguente quesito: “vuoi che Alternativa partecipi ad un coordinamento delle forze antisistema e

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA NAZIONALE DEGLI ISCRITTI DI ALTERNATIVA PER DISCUTERE E DELIBERARE IN MERITO ALL’EVENTUALE PARTECIPAZIONE AD UN COORDINAMENTO DELLE FORZE ANTISISTEMA E DEL RELATIVO COMITATO SCIENTIFICO.

8 Gennaio 2023
Caro iscritto,il 28 gennaio dalle 16 è convocata l’assemblea di Alternativa per discutere e deliberare sull’argomento in oggetto: partecipazione di Alternativa ad un coordinamento

L’America porrà fine al sogno di Zelensky? Il consenso pro-guerra sembra indebolirsi – di Thomas Fazi

21 Ottobre 2022
Pubblichiamo anche qui un articolo di Thomas Fazi comparso su unherd.com, che dà conto in modo preciso di una dialettica che si sta aprendo

Resoconto dell’Assemblea nazionale del 16/10/2022

18 Ottobre 2022
Cari amici, nell’assemblea nazionale del 16 ottobre 2022 Alternativa ha assunto alcune scelte fondamentali per la prosecuzione della propria attività politica. Tra queste la

Convocazione Assemblea del 16 ottobre 2022

28 Settembre 2022
Domenica 16 ottobre 2022 è convocata l’Assemblea nazionale di Alternativa che riunirà tutti gli iscritti per avviare il percorso di costituzione della struttura organizzativa