Conflitto Russia-Ucraina: cessate il fuoco!

giovedì 24 Febbraio 2022

I tragici eventi di queste ultime ore, con l’intervento militare russo in Ucraina e il bombardamento di numerosi punti strategici nelle principali città, destano in noi estrema preoccupazione. La scelta di intervenire così pesantemente nel territorio ucraino comporta inevitabilmente un grave azzardo dai costi umani e politici imprevedibilmente ampi. 

L’azione militare in Ucraina disegna uno scenario che suscita inevitabile apprensione per il futuro della stabilità e della sicurezza in Europa. Oggi entriamo in una terra incognita piena di insidie e sviluppi inattesi che impongono a chi governa una estrema dose di precauzione in tutte le stanze della Casa Comune europea.

Ripudiamo la guerra e la violenza e auspichiamo un immediato cessate il fuoco, augurandoci si possa riprendere immediatamente un confronto diplomatico per fermare un conflitto che richiama alla memoria i giorni più bui del secolo scorso. Il nostro pensiero va ai civili che in queste ore temono per la propria vita, ai quali dobbiamo fornire assistenza. Siamo convinti che si debba fare tutto il possibile per evitare un’espansione del conflitto che mini la stabilità dell’Europa in un momento già tragico dal punto di vista sanitario ed economico. La nuova escalation militare ha dimostrato che la politica delle sanzioni nel tempo non ha portato a nulla. Mentre tutto ciò accadeva, le nostre classi dirigenti, italiane ed europee, si sono dimostrate totalmente irresponsabili e inadeguate nell’ignorare un focolaio di guerra pronto a divampare al primo vento di crisi, intanto che avallavano analoghe violazioni del diritto internazionale in scenari a noi vicini geograficamente.

Era ed è necessario un lavoro diplomatico e di confronto più ampio vista la delicatezza della situazione e il portato storico delle aree direttamente coinvolte. Ci auguriamo che tutte le forze occidentali mantengano una linea improntata sulla risoluzione del conflitto “non armata”. Perché violenza chiama violenza e in questo momento l’unica cosa a cui si deve ambire è la pace tra i popoli.

Null’altro può valere più di questo.

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on telegram
Telegram

Iscriviti

Alla news Letter

potrebbe interessarti

La riforma europea dei depositi bancari è una catastrofe per l’Italia

Maggio 8, 2022
Mentre Draghi va al Parlamento europeo a giurare fedeltà alla causa della guerra per conto del popolo italiano, vaneggiando di fantomatiche riforme dei Trattati

DA ARCURI A FIGLIUOLO, CAMBIA IL COMMISSARIO MA LA GESTIONE RESTA OPACA

Maggio 2, 2022
Dalle ombre di Arcuri a quelle di Figliuolo. Cambia il Commissario all’emergenza, ma la gestione opaca rimane la stessa. Se sui vaccini gli italiani

DEF 2022: la realtà che non c’è

Aprile 20, 2022
Se nel 1980 il grande Edoardo Bennato compose “l’Isola che non c’è”, nel 2022 il Governo dei Migliori ha composto “La realtà che non

Alternativa incontra i cittadini di Roma

Aprile 13, 2022
Sono stati davvero tantissimi i cittadini romani che sabato hanno incontrato i nostri Raffaele Trano e Pino Cabras a Roma. Dopo Padova, anche gli

Alternativa in piazza per licenziare Draghi

Aprile 4, 2022
Sabato 26 marzo 2022, in Piazza Santi Apostoli a Roma, si è tenuta la prima manifestazione pubblica di Alternativa. Il titolo “Licenziamo Draghi” racchiudeva

Tutti in piazza! Licenziamo Mario Draghi

Marzo 16, 2022
Licenziamo Mario Draghi.Una grande manifestazione per mandare a casa Mario Draghi e tutto il suo Governo. 26 Marzo a Roma in Piazza Santi Apostoli,