Armi in Ucraina: questa non è la strada per la pace

martedì 1 Marzo 2022

Come è possibile che in Italia non si tenga conto della volontà del popolo e della nostra Costituzione? 

Qualcuno davvero vuole un’altra guerra che potrebbe a questo punto estendersi pericolosamente e devastare l’Europa intera? 

Noi italiani siamo direttamente coinvolti, legati alla Russia da rapporti consolidati di dipendenza per le forniture di gas ma anche su altre partite delicatissime di natura economico finanziaria. Ai cittadini ucraini, dovremmo inviare sostegni e risorse umanitarie, non armi. Perché alimentare il muro contro muro esponendo la popolazione civile ad una reazione ancora più dura da parte dell’esercito russo, non è accettabile. Occorre invece lavorare per l’immediato cessate il fuoco e riportare il conflitto sul tavolo del negoziato. 

Ecco perché contestiamo l’invio di armi da parte dell’Italia. Il che non significa essere “pro Putin” come è stato detto in questi giorni da una parte consistente dell’informazione. Abbiamo già condannato l’attacco all’Ucraina. Ma non possiamo esimerci dal riflettere sulle cause storiche e politiche che oggi hanno portato a questo disastro. Solo guardando ad esse con obiettività si potrà ricostruire un confronto civile tra le parti. La costruzione di una via alternativa, la via della pace attraverso il dialogo e la concertazione, è possibile e il nostro Paese potrebbe essere il mediatore. La nostra vocazione pacifista e democratica ci impone un ruolo super partes. Non possiamo farci trascinare in un conflitto che se dovesse estendersi a macchia d’olio, non avrà né vincitori né vinti. Sarà una sconfitta per tutti e a rimetterci saranno sempre i più deboli. Non certo i potent

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on telegram
Telegram

Iscriviti

Alla news Letter

potrebbe interessarti

La riforma europea dei depositi bancari è una catastrofe per l’Italia

Maggio 8, 2022
Mentre Draghi va al Parlamento europeo a giurare fedeltà alla causa della guerra per conto del popolo italiano, vaneggiando di fantomatiche riforme dei Trattati

DA ARCURI A FIGLIUOLO, CAMBIA IL COMMISSARIO MA LA GESTIONE RESTA OPACA

Maggio 2, 2022
Dalle ombre di Arcuri a quelle di Figliuolo. Cambia il Commissario all’emergenza, ma la gestione opaca rimane la stessa. Se sui vaccini gli italiani

DEF 2022: la realtà che non c’è

Aprile 20, 2022
Se nel 1980 il grande Edoardo Bennato compose “l’Isola che non c’è”, nel 2022 il Governo dei Migliori ha composto “La realtà che non

Alternativa incontra i cittadini di Roma

Aprile 13, 2022
Sono stati davvero tantissimi i cittadini romani che sabato hanno incontrato i nostri Raffaele Trano e Pino Cabras a Roma. Dopo Padova, anche gli

Alternativa in piazza per licenziare Draghi

Aprile 4, 2022
Sabato 26 marzo 2022, in Piazza Santi Apostoli a Roma, si è tenuta la prima manifestazione pubblica di Alternativa. Il titolo “Licenziamo Draghi” racchiudeva

Tutti in piazza! Licenziamo Mario Draghi

Marzo 16, 2022
Licenziamo Mario Draghi.Una grande manifestazione per mandare a casa Mario Draghi e tutto il suo Governo. 26 Marzo a Roma in Piazza Santi Apostoli,