La riforma europea dei depositi bancari è una catastrofe per l’Italia

domenica 8 Maggio 2022

Mentre Draghi va al Parlamento europeo a giurare fedeltà alla causa della guerra per conto del popolo italiano, vaneggiando di fantomatiche riforme dei Trattati europei che non ci saranno mai, nelle stanze grigie di Bruxelles si discute la riforma della garanzia unica sui depositi bancari. Nota anche con l’acronimo di EDIS, che sta per “European Deposit Scheme Insurance”, essa consiste nel garantire tutti i depositi bancari dell’Eurozona allo stesso modo, così da assicurare un unico mercato dei capitali. Si tratta del terzo pilastro dell’unione bancaria, finora sempre ostracizzata dai falchi del nord Europa, ma che stavolta vede il parere favorevole del Ministro delle Finanze tedesco, il liberale Christian Lindner. Una riforma che, qualora approvata, rischierebbe di scatenare una tempesta perfetta sul debito pubblico italiano.

Finora i nostri Btp hanno goduto della copertura offerta dai vari piani di acquisto della BCE, il famoso Quantitative Easing. Come sappiamo, questa copertura tra non molto verrà meno. In aggiunta, i titoli di stato europei hanno usufruito del cosiddetto “DoomLoop”, vale a dire l’effetto dei reinvestimenti in titoli pubblici operati dalle singole banche nazionali grazie ai prestiti a tassi favorevoli della BCE. Anche questa copertura rischia d’essere cancellata, con particolare danno per l’Italia.

Secondo quanto previsto nelle bozze dell’accordo in via di definizione, infatti, in cambio dell’approvazione della garanzia unica sui depositi, gli acquisti di titoli di stato da parte delle banche nazionali verrebbero fortemente limitati. Per prima cosa, le banche saranno tenute a pagare una tassa sui titoli acquistati. Inoltre, è previsto che le stesse si attengano ad un’attenta diversificazione dei propri portafogli sovrani. Tradotto: se una banca italiana ha tanti Btp, dovrà venderli.

Nella prima fase le banche che hanno in bilancio titoli di stato con rating bassi sarebbero tenute a versare un contributo più alto al Fondo europeo di assicurazione dei depositi. Nella seconda fase, l’addebito sarebbe calcolato solo sulla quantità di debito pubblico detenuto. Un danno enorme per il nostro Paese, se pensiamo che ad oggi i titoli di stato pesano il 20% dell’attivo delle banche italiane, circa 427 miliardi, contro il 9% di quelle francesi e il 12% di quelle tedesche.

Questa riforma, unita alla fine del Piano di acquisti della Bce, rappresenterebbe una potenziale catastrofe per il nostro Paese. L’inevitabile conseguenza di tutto ciò è il ricorso al salvataggio del MES, ossia il definitivo commissariamento dell’Italia che questo Governo e la maggioranza che lo sostiene stanno preparando da tempo.

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on telegram
Telegram

Iscriviti

Alla news Letter

potrebbe interessarti

La riforma europea dei depositi bancari è una catastrofe per l’Italia

Maggio 8, 2022
Mentre Draghi va al Parlamento europeo a giurare fedeltà alla causa della guerra per conto del popolo italiano, vaneggiando di fantomatiche riforme dei Trattati

DA ARCURI A FIGLIUOLO, CAMBIA IL COMMISSARIO MA LA GESTIONE RESTA OPACA

Maggio 2, 2022
Dalle ombre di Arcuri a quelle di Figliuolo. Cambia il Commissario all’emergenza, ma la gestione opaca rimane la stessa. Se sui vaccini gli italiani

DEF 2022: la realtà che non c’è

Aprile 20, 2022
Se nel 1980 il grande Edoardo Bennato compose “l’Isola che non c’è”, nel 2022 il Governo dei Migliori ha composto “La realtà che non

Alternativa incontra i cittadini di Roma

Aprile 13, 2022
Sono stati davvero tantissimi i cittadini romani che sabato hanno incontrato i nostri Raffaele Trano e Pino Cabras a Roma. Dopo Padova, anche gli

Alternativa in piazza per licenziare Draghi

Aprile 4, 2022
Sabato 26 marzo 2022, in Piazza Santi Apostoli a Roma, si è tenuta la prima manifestazione pubblica di Alternativa. Il titolo “Licenziamo Draghi” racchiudeva

Tutti in piazza! Licenziamo Mario Draghi

Marzo 16, 2022
Licenziamo Mario Draghi.Una grande manifestazione per mandare a casa Mario Draghi e tutto il suo Governo. 26 Marzo a Roma in Piazza Santi Apostoli,