L’embargo al petrolio russo: un danno per ambiente e cittadini

martedì 31 Maggio 2022

Un embargo del petrolio proveniente dalla Russia, senza pianificare alcuna soluzione reale alternativa tra quelle sostenibili dal punto di vista ambientale, è una mossa scellerata che rischia di ripercuotersi in maniera devastante sui cittadini europei.
Il prezzo alla pompa della benzina potrebbe crescere enormemente e l’effetto finale potrebbe addirittura beneficiare la Russia, che incrementerà le proprie vendite verso quei Paesi nel mondo che non aderiscono alle sanzioni. Secondo quanto riportato da Bloomberg, l’Asia ha già superato l’Europa come primo acquirente di greggio russo e la scorsa settimana 79 milioni di barili di petrolio russo hanno salpato via mare verso Cina e India, contro i 27 milioni anteguerra.

D’altronde, che le sanzioni non stiano funzionando lo si era capito. Il Rublo sta segnando performance record, fregiandosi del titolo di miglior valuta del 2022, al punto che la Banca Centrale Russa si è potuta permettere di tagliare il tasso d’interesse all’11% (dal 20% dei primi giorni di guerra), a un passo dal 9% pre-guerra. L’inflazione appare tornata pienamente sotto controllo, proprio mentre da noi vengono toccati tassi che non si vedevano dagli anni ’70, e soprattutto del default tanto atteso non si parla più. Dal punto di vista dei conti con l’estero, la situazione ha del paradossale: secondo le stime, nel solo 2022 la Russia otterrà un surplus di oltre 200 miliardi di dollari, recuperando pertanto in pochi mesi quasi interamente l’ammontare di riserve valutarie congelate dalle sanzioni (circa 300 miliardi di dollari).
In tutto questo scenario, il Governo Draghi e la Commissione Europea insistono nel chiedere nuovi pacchetti di sanzioni che rischiano di essere nella migliore delle ipotesi inutili, e nella peggiore dannosi. Ambiente e cittadini saranno gli unici a pagare il prezzo più caro di questa assurda guerra. Il Governo Draghi metta da parte le proprie ambizioni belliciste, si fermi e per una buona volta porti ragionevolezza ai tavoli europei.

Condividi

Facebook
Twitter
Telegram

Iscriviti

Alla news Letter

potrebbe interessarti

L’America porrà fine al sogno di Zelensky? Il consenso pro-guerra sembra indebolirsi – di Thomas Fazi

21 Ottobre 2022
Pubblichiamo anche qui un articolo di Thomas Fazi comparso su unherd.com, che dà conto in modo preciso di una dialettica che si sta aprendo

Resoconto dell’Assemblea nazionale del 16/10/2022

18 Ottobre 2022
Cari amici, nell’assemblea nazionale del 16 ottobre 2022 Alternativa ha assunto alcune scelte fondamentali per la prosecuzione della propria attività politica. Tra queste la

Convocazione Assemblea del 16 ottobre 2022

28 Settembre 2022
Domenica 16 ottobre 2022 è convocata l’Assemblea nazionale di Alternativa che riunirà tutti gli iscritti per avviare il percorso di costituzione della struttura organizzativa

Considerazioni sull’esito del voto e sul futuro di Alternativa

27 Settembre 2022
Questo Parlamento è il meno rappresentativo della storia della Repubblica. Con un’affluenza al 63,9%, le elezioni di ieri segnano il record di astensionismo. Un

ACCORDO CON ITALEXIT SCIOLTO, NO A CANDIDATI NEOFASCISTI

6 Agosto 2022
Il quadro di possibile accordo elettorale fra Alternativa e Italexit in vista delle elezioni del 25 settembre 2022 è sciolto. Laddove c’era un consenso

Alternativa partecipa alle elezioni politiche 2022

31 Luglio 2022
Volevano escluderci dalle elezioni politiche 2022, ma noi ci saremo! Cari amici! Abbiamo deciso di mettere in piedi – in condizioni difficili e inedite,