DRAGHI DICA SE VUOLE IL MES PER L’ITALIA

domenica 12 Giugno 2022

Il Governo Draghi dica in modo chiaro agli italiani se sta contemplando l’ipotesi di ricorrere al MES. Dica in modo chiaro se vuol portare l’Italia dentro una gabbia che condizionerà anche il prossimo Esecutivo, aggiungendo ulteriori condizionalità e vincoli.

Alla risalita dello spread di queste settimane hanno fatto seguito le dichiarazioni sibilline del consigliere economico di Palazzo Chigi, Giavazzi, e i recenti articoli sul MES usciti sui principali organi di stampa nazionale, tra cui quello del Sole 24 Ore del 7 giugno, che lasciano presagire una discussione in atto ai più alti vertici istituzionali.

È nota la proposta di Giavazzi e di Charles-Henri Weymuller, consigliere economico di Macron, per la creazione di un’Agenzia Europea del Debito che si faccia carico dei titoli pubblici acquistati dalla BCE dopo il marzo 2020 al fine di soddisfare il fabbisogno finanziario degli Stati per fronteggiare la crisi economica causata dalle misure di contenimento della pandemia. Tale Agenzia pare essere proprio il MES.

Il risultato empirico, oltre a quello politico della perdita di ulteriore sovranità da parte dei Parlamenti e dei Governi nazionali, sarà – come evidenziato da Giuseppe Liturri – la perdita per gli Stati membri del “sostanzioso flusso di dividendi che le banche centrali riescono a erogare proprio grazie agli interessi dei titoli detenuti in portafoglio, rendendo così sostanzialmente nullo il costo di quei titoli per il bilancio pubblico. Con il Mes come creditore gli interessi sui BTP si pagheranno senza flussi di ritorno”.

Draghi sia trasparente, venga in Aula o vada in conferenza stampa e risponda chiaramente sul tema. È paradossale che proprio lui, entrato in pompa magna a Palazzo Chigi come garanzia contro possibili commissariamenti europei, sia colui che con tutta probabilità ci porterà nelle braccia del MES.

Condividi

Facebook
Twitter
Telegram

Iscriviti

Alla news Letter

potrebbe interessarti

L’America porrà fine al sogno di Zelensky? Il consenso pro-guerra sembra indebolirsi – di Thomas Fazi

21 Ottobre 2022
Pubblichiamo anche qui un articolo di Thomas Fazi comparso su unherd.com, che dà conto in modo preciso di una dialettica che si sta aprendo

Resoconto dell’Assemblea nazionale del 16/10/2022

18 Ottobre 2022
Cari amici, nell’assemblea nazionale del 16 ottobre 2022 Alternativa ha assunto alcune scelte fondamentali per la prosecuzione della propria attività politica. Tra queste la

Convocazione Assemblea del 16 ottobre 2022

28 Settembre 2022
Domenica 16 ottobre 2022 è convocata l’Assemblea nazionale di Alternativa che riunirà tutti gli iscritti per avviare il percorso di costituzione della struttura organizzativa

Considerazioni sull’esito del voto e sul futuro di Alternativa

27 Settembre 2022
Questo Parlamento è il meno rappresentativo della storia della Repubblica. Con un’affluenza al 63,9%, le elezioni di ieri segnano il record di astensionismo. Un

ACCORDO CON ITALEXIT SCIOLTO, NO A CANDIDATI NEOFASCISTI

6 Agosto 2022
Il quadro di possibile accordo elettorale fra Alternativa e Italexit in vista delle elezioni del 25 settembre 2022 è sciolto. Laddove c’era un consenso

Alternativa partecipa alle elezioni politiche 2022

31 Luglio 2022
Volevano escluderci dalle elezioni politiche 2022, ma noi ci saremo! Cari amici! Abbiamo deciso di mettere in piedi – in condizioni difficili e inedite,