Il Salario Minimo non è un regalo

domenica 22 Ottobre 2023

Il Salario Minimo non può essere considerato un regalo, ma è uno strumento che potrebbe ovviare, almeno in parte, a tutto ciò che non si è fatto fino a ieri, per la classe lavoratrice. In tempi di lotta e confusione politica, questa misura è stata bocciata in prima istanza dal Cnel di Brunetta, con i sindacati spaccati per la questione non dirimente della “contrattazione” che in Italia ha una funzione non certo marginale. Già tempo addietro l’Ocse ammoniva l’Italia quale unico Paese europeo in cui negli ultimi 30 anni si è addirittura registrato un peggioramento della condizione salariale annuale media, intorno quasi al 3%. Fattori che si capovolgono nel momento in cui si analizzano gli stipendi dei top manager, naturalmente in aumento esponenziale da fine anni ‘70, senza sortire mai momenti di crisi congiunturale. Si è partiti dal rapporto 1/12 tra prima carica aziendale e la posizione di operaio nella visionaria “dottrina Olivetti”, fino ad arrivare ad un differenziale dei giorni nostri, per intenderci agli inizi del 2020 e via di lì a crescere 600/700 e oltre rispetto ad un operaio di catena di montaggio. Più bonus e buoni uscita milionari, anche se si lasciano le aziende in perdita. La perdita di potere d’acquisto dovuto agli aumenti smisurati ‘post conflitto’ in Ucraina, all’inflazione, ai tassi di interesse sui mutui arrivati a livelli insostenibili, determinano divari sociali che potrebbero portarci nel tempo su pericolosi binari di disequità equiparabili a quelli dei paesi dell’America Latina. Di fatto, La proposta di legge per un salario minimo fissato a 9 euro per tutti i lavoratori, anche se dall’altra parte si punta sulla contrattazione collettiva e sul tentativo di alleggerire il cuneo fiscale, non è assolutamente un regalo per la classe lavoratrice. È piuttosto un modo tardivo per correre ai ripari, visto che per troppo tempo, chi avrebbe dovuto fronteggiare e combattere i segnali sociali tossici del neoliberismo più sfrenato e gli effetti nefasti della globalizzazione, era impegnato a dedicarsi ad altro con le conseguenze che conosciamo. Ma bisogna dirlo, il salario minimo non è neanche la brutta copia della vecchia scala mobile, strumento economico, eccezionale ed unico in tema di politica del salario, che proiettava ad indicizzare automaticamente i salari in funzione degli aumenti dei prezzi. Non dimentichiamo che parte della politica che adesso propone i “9 euro ad ora”, ha prodotto già negli anni ‘90 le iniziali leggi di liberalizzazione del mercato del lavoro (legge Treu), Job Act, Riforma Fornero, abbattimento Legge 20 maggio 1970, n. 300 (Statuto dei lavoratori) compreso l’art.18, l’alternanza Scuola/Lavoro, mentre il 29 giugno 2016 la Camera ha definitivamente approvato la conversione in legge del c.d. nuovo decreto “salva banche” (decreto legge n. 59/2016). Il risultato finale: un ceto medio quasi raso al suolo, ascensore sociale inesistente, disequità apocalittiche, futuro più che incerto, circa 130 mila italiani espatriati all’estero, nel solo 2020. Ma magari c’è il posticipo stasera, e perché no, l’inaugurazione di un altro murales, mentre la storia, non ci assolverà.

Massimiliano Costantino Esposito

Condividi

Facebook
Twitter
Telegram

Iscriviti

Alla news Letter

potrebbe interessarti

VERBALE RIUNIONE NOMINA COMPONENTE DELLA DIREZIONE NAZIONALE

9 Maggio 2024
TENUTASI IN DATA 10.04.24  PRESENTI: Il Vicepresidente Nicola Zagaria E gli iscritti referenti Stefano Conti, Cristiana Bertin, Stefania Sebastianis oggetto: NOMINA DEL REFERENTE MACRO AREA

ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI DEL 29 Marzo 2024

30 Marzo 2024
OGGETTO: Elezione 3 membri della Direzione Nazionale L’Assemblea, presieduta da Emanuela Corda con segretaria Giuseppina Gallotti, si è svolta sulla piattaforma Google meet. I

In una società sana non c’è spazio per chi maltratta gli animali

20 Febbraio 2024
Viviamo in un paese dove, negli ultimi anni, la violenza verso gli animali è sempre più presente e chi la pratica rimane costantemente impunito

VERBALE ASSEMBLEA NAZIONALE DEGLI ISCRITTI ASSOCIATI 6 Febbraio 2024

12 Febbraio 2024
ODG: Modifiche Statutarie e proroga cariche. L’Assemblea, si è riunita alle ore 18:00; presieduta dalla Presidente Emanuela Corda alla presenza del notaio, dott. Roberto

VERBALE ASSEMBLEA NAZIONALE DEGLI ISCRITTI ASSOCIATI 16 GENNAIO 2024

12 Febbraio 2024
Martedi 16 gennaio 2024 alle ore 19:00 si è svolta l’Assemblea degli iscritti associati da remoto sulla piattaforma Google meet. ODG: Approvazione Programma Nazionale

RETTIFICA DATA ASSEMBLEA: CONVOCAZIONE ASSEMBLEA NAZIONALE 30 gennaio 2024 – L’ASSEMBLEA NON SI SVOLGERA’ IL 30 GENNAIO, MA IL 6 febbraio 2024 alle ore 18:00

25 Gennaio 2024
è convocata l’Assemblea Nazionale con ODG: Modifiche Statutarie, il giorno martedì 30 gennaio 2024 alle ore 18.00. RETTIFICA: L’Assemblea non si svolgerà più il